blog che spiega dalla A alla Z, tutto quello che bisogna sapere in materia di antifurti, sistemi d’allarme, funzionamento, tipi, novità…

Proteggi la tua casa o il tuo negozio con telecamere di videosorveglianza

Proteggi la tua casa o il tuo negozio con telecamere di videosorveglianza

on Dic 15, 2016 in SISTEMI DI ALLARME | 0 comments

Durante le vacanze, mentre tutti si rilassano in montagna, al mare o in casa di familiari ci sono persone che non smettono di lavorare, anzi guadagnano molto di più che in altri periodi: i ladri. Quando le vittime ignare, tornano a casa o tornano al lavoro nel loro negozio o ufficio, si rendono conto che sono state derubate, molte volte perché non avevano un sistema d’allarme con telecamere di videosorveglianza.

Con le telecamere di videosorveglianza di un buon sistema di sicurezza potrai vedere, registrare e ascoltare tutto quello che succede in casa, nel tuo negozio o ufficio. Inoltre questo tipo di impianti usano tecnologie di ultima generazione, per cui si possono controllare direttamente con comode app da un telefono e da una tablet. Per cui potrai vedere sempre quello che succede in casa o in negozio mentre sei in vacanza.

Le telecamere di videosorveglianza sono progettate per garantire la sicurezza di case e seconde case, aziende, uffici e negozi, per interni ed esterni. Le telecamere per zone esterne sono più resistenti per poter far fronte al freddo, al caldo, alla pioggia o alla neve. In alcuni casi sono portatili, leggere e compatte, in modo che si possono muovere e collocare dove ce ne sia più bisogno. Oltre che per la protezione dell’immobile, si possono usare anche per controllare impiegati che ci lavorano, o bambini e anziani che ci vivono.

Inoltre la registrazione delle telecamere di videosorveglianza è assolutamente privata: le immagini vengono salvate per fare in modo che solo i proprietari possano visualizzarle quando sia necessario. Nel caso in cui si verifichi un furto, la polizia potrà usare i video per le indagini e identificare i ladri e usarli come prove in caso di arrivare in giudizio.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *