blog che spiega dalla A alla Z, tutto quello che bisogna sapere in materia di antifurti, sistemi d’allarme, funzionamento, tipi, novità…

Aumentano i furti in chiese che non usano sistemi di videosorveglianza

Aumentano i furti in chiese che non usano sistemi di videosorveglianza

on Set 29, 2016 in SISTEMI DI ALLARME | 0 comments

Secondo le notizie pubblicate negli ultimi giorni sul web, giornali e tv, i sacerdoti delle parrocchie di campagna e di piccoli paesi sono molto preoccupati dalle continue rapine avvenute negli ultimi mesi. Per questo motivo hanno iniziato a prendere in considerazione l’installazione di sistemi di videosorveglianza nelle loro chiese.

I ladri che entrano nei luoghi di culto agiscono di notte nei giorni feriali, approfittando del fatto che nelle piccole città non c’è nessuno a queste ore, nonostante le chiese si trovino spesso nel centro storico. Si introducono nella chiesa, forzando qualche porta o finestra e, una volta entrati, verificano che non ci siano sistemi di videosorveglianza e ispezionano la sagrestia per cercare qualsiasi oggetto di valore, opere d’arte o semplicemente denaro.

Gli oggetti di maggior valore spesso sono nascosti i in luoghi sicuri e non sempre vengono lasciati nella chiesa di notte. Nonostante questo, i ladri non rispettano nulla e se trovano un calice di valore non esitano a rubarlo. La stessa cosa succede con gli ornamenti di immagini religiose, sebbene non sempre con risultati positivi. In alcuni casi dove non siano presenti sistemi di videosorveglianza, rubano persino la corona delle statue della Vergine, che spesso è fatta di oro. I furti nelle chiese hanno generato un sentimento di forte insicurezza e di allarme tra i parroci e i fedeli che si sentono indifesi. I ladri approfittano del fatto che  queste zone sono spesso abitate da persone anziane e possono agire con maggiore impunità. Le Forze dell’Ordine sono consapevoli dell’allarme sociale che provocano tali furti e concentrano i loro sforzi per cercare i colpevoli, nonostante le difficoltà di portare avanti delle indagini nelle chiese che non hanno sistemi di videosorveglianza.

Commenta il post

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *