blog che spiega dalla A alla Z, tutto quello che bisogna sapere in materia di antifurti, sistemi d’allarme, funzionamento, tipi, novità…

DIZIONARIO

<p>Si pubblicherà un dizionario di termini relativi all’antifurto per informare i lettori di tutti i dettagli dei sistemi d’allarme.</p>

P come Pulsante SOS

P come Pulsante SOS

Quanti film hai visto nei quali, durante una rapina in banca o in un qualsiasi negozio, un impiegato preme di nascosto un pulsante SOS sotto al bancone? Il pulsante d’emergenza di un antifurto o di un sistema di sicurezza è un dispositivo progettato per essere attivato in caso di furto o incendio, premendo un interruttore che alcune aziende chiamano pulsante SOS. Come succede in tutti i film che hai visto, ci sono determinate situazioni di pericolo che richiedono di adottare precauzioni speciali. Come nel caso di furti con violenza o rapine in cui si presenta un rischio elevato per la persona attaccata che potrebbe essere vittima di danni personali. Quando si attiva il pulsante SOS, il dispositivo emette un segnale d’allarme che viene ricevuto da un operatore della centrale operativa dell’azienda, cha analizza la situazione e avvisa le forze dell’ordine o i servizi d’emergenza. Prima di avvisarli l’operatore controlla la situazione attraverso le immagini o i video registrati dal sistema di sicurezza. Se il pulsante SOS è in modalità silenziosa non si mette a rischio la vita della persona che sta subendo la  rapina o di quelle che si trovano all’interno di un immobile in cui si sia introdotto un malintenzionato perchè il ladro non si accorge della richiesta di aiuto. Il pulsante SOS ha un design discreto e si installa in zone difficili da raggiungere per i delinquenti. Inoltre solo persone autorizzate sapranno dove si trova il pulsante e potranno utilizzarlo in situazioni d’emergenza con totale discrezione. Se il pulsante SOS è il dispositivo  di un sistema d’allarme di una grande compagnia di sicurezza potrai richiedere aiuto in qualsiasi momento o in qualunque situazione d’emergenza, visto che gli operatori delle centrali sono a disposizione 24 ore al giorno 365 giorni...

Leggi
Cos’è un sensore di movimento?

Cos’è un sensore di movimento?

Il sensore di movimento movimento  è un elemento fondamentale che fa parte dei dispositivi base che compongono i sistemi d’allarme, perché ha il compito di attivare l’allarme nei corridoi e nelle stanze di case e negozi per fare in modo che gli intrusi non possano accedere alle stanze principali. Per fare in modo che funzioni, per prima cosa, l’allarme deve essere attivato. Il sensore a infrarossi scatterà nel momento in cui individua una radiazione termica attorno a sé o nella zona coperta dal sensore. Individuato il movimento, o un’attività sospetta, il sensore farà scattare l’allarme. Qualora i sensori siano accompagnati da fotocamere di sicurezza, queste, in caso di intrusione scattano una serie di immagini per poi inviarle al proprietario e alla centrale operativa. Se l’allarme fosse collegato a una centrale operativa, un gruppo di professionisti della sicurezza riceverebbe il segnale dell’allarme per verificarlo, utilizzando uno dei protocolli stabiliti per la vostra sicurezza. La verifica delle immagini è il sistema più veloce ed efficace per confermare intrusioni, per cui un sensore di presenza con telecamera incorporata è una garanzia di sicurezza: nel caso in cui un intruso voglia entrare in casa tua o nel tuo negozio, le fotografie scattate permetteranno di identificarlo velocemente. Il sensore di movimento è molto utile per proteggere stanze tanto di giorno quanto di notte e inoltre ha un effetto dissuasore importante visto che può mettere in fuga l’intruso, prima che compia il furto. L’angolazione visualizzata ed il raggio d’azione della fotocamera fanno in modo che questi sensori possono individuare il movimento all’interno di tutta la superficie della stanza, per cui sono dispositivi fondamentali per la protezione di qualsiasi tipo di casa. I nuovi sistemi di allarme che esistono sul mercato sono senza fili, un vantaggio fondamentale al momento di installare un sensore di movimento in casa nostra perché si adatta a qualsiasi tipo di abitazione e grazie all’uso di batterie integrate non ha bisogno né di cavi né di opere...

Leggi
Se hai un allarme Wireless in casa, queste informazioni sono utili

Se hai un allarme Wireless in casa, queste informazioni sono utili

L’ultima tendenza tra i ladri per entrare in case e aziende sono gli inibitori di frequenza e l’installazione di microcamere nello spioncino. I ladri utilizzano sempre di più la tecnologia per evitare i sistemi d’allarme, soprattutto wireless. Gli inibitori bloccano le frequenze GSM e radio, rendendo inoperativi i telefoni cellulari e i sistemi d’allarme wireless, che utilizzano la stessa rete di comunicazione. Per questo tipo di sistema d’allarme è importante affidarsi ad una tecnologia anti-inizbizione come quella progettata dal leader europeo in sistemi d’allarme Verisure Italia. Inoltre i ladri stanno iniziando ad usare minicamere che vengono collocate nello spioncino e consentono di controllare i movimenti nella casa. Questo sistema ha un’altra variante che consiste nel togliere lo spioncino e introdurre una telecamera estensibile per vedere cosa c’è all’interno dell’immobile. Si tratta di procedure che utilizzando bande criminali, che cercano spesso case vuote. Oltre a questi metodi innovativi e tecnologici, ce ne sono altri più tradizionali, come ad esempio lo scivolone che consiste nell’aprire la serratura con una radiografia, o uno strumento simile- se la porta non è stata chiusa a chiave-; il bumping, un colpo secco con un martello a una chiave che è stata precedentemente inserita nella serratura e che la fa saltare; con il grimaldello, manipolando i sistemi interni di bloccaggio della serratura. Inferriate, porte blindate e sistemi d’allarme sono i sistemi più utilizzati quando si tratta di proteggere una casa o un’azienda. Ma la principale prevenzione è la prudenza. È fondamentale non rendere le cose facili all’intruso: è molto importante chiudere sempre la porta a chiave e, naturalmente, non lasciare le finestre aperte e la porta non chiusa correttamente. Il furto che si subisce per disattenzione e noncuranza è il più comune, perché i ladri possono essere sempre in agguato, per questo bisogna prestare attenzione ai...

Leggi
Il sistema di allarme nelle porte ti avviserà di tutti i pericoli

Il sistema di allarme nelle porte ti avviserà di tutti i pericoli

Secondo le informazioni contenute in quest’infografica sui furti nelle attività commerciali, i negozi subiscono 1 furto ogni 5 minuti. Questo tipo di scenario si ripete giornalmente nelle zone commerciali delle grandi città. Grandi superfici e piccoli commerci si vedono obbligati a proteggere le proprie attività con sistemi di sicurezza che proteggano i propri beni. Questi dispositivi di sicurezza sono composti da diverse parti secondo le caratteristiche del locale da proteggere e, uno di questi è l’allarme per porte. L’allarme per porte, meglio conosciuto come rilevatore di apertura, è un dispositivo senza fili che si installa nei punti di accesso all’abitazione – come porte, finestre o vetrine – e fa scattare l’allarme quando queste vengono manipolate o aperte senza autorizzazione. Di facile e rapida installazione, il rilevatore di apertura è formato da due pezzi; uno si colloca nello stipite della porta o finestra e l’altro sulla porta stessa o sul vetro. Tra i due componenti del sensore si forma un campo magnetico che, nel momento in cui viene spezzato o uno dei due pezzi vibra, attiva l’allarme per le porte per avvisare di una possibile intrusione. In questo modo è possibile individuare il ladro prima che entri: se i malintenzionati provano ad accedere all’immobile protetto, manipolando una serratura o rompendo un vetro, per esempio, l’allarme scatterà immediatamente. L’allarme per porte è uno dei dispositivi più utili per evitare i furti nelle attività commerciali o per qualsiasi altro danno perchè scatta alla prima vibrazione o tentativo di intrusione....

Leggi
T come teleassistenza. Sai di che si tratta?

T come teleassistenza. Sai di che si tratta?

Il servizio di teleassistenza è un sistema di attenzione personalizzato basato nelle nuove tecnologie di comunicazione che permette agli utenti  di essere in contatto via telefonica o cellulare con un centro di ricezione di allarmi, 24 ore al giorno, tutti i giorni dell’anno. Gli operatori di questo centro sono altamente qualificati e sono in grado di rispondere alle sue chiamate o di mobilitare i sistemi d’emergenza in caso di emergenze sociali o sanitarie. Questa comunicazione è possibili con solo toccare un bottone o con l’attivazione di dispositivi programmati previamente.   In alcuni casi anche i sistemi di antifurto integrano le funzioni d’allarme con quelle di emergenza, come nel caso di Verisure che, tra i vari dispositivi extra per il suo sitema, presenta un bottone SOS da premere in caso d’emergenza. Esistono vari tipi di teleassistenza.   Teleassistenza standard Questa linea è soprattutto per persone anziane, e ha un carattere preventivo e serve per aumentare l’autonomia personale. I suoi obbiettivi sono: Aumentare la sicurezza dei clienti e l’autonomia. Adattare la teleassistenza ai bisogni reali degli utenti. Offrire una risposta sicura davanti alla possibilità di una situazione di rischio, riducendo le conseguenze evitando i in un incidente. Teleassistenza avanzata Si tratta di completare il sistema di assistenza con dispositivi che permettono di monitorare l’ambiente degli utenti per disporre di informazioni immediate di possibili situazioni di rischio. Il profilo generale dell’utente che fa uso di teleassistenza avanzata sono: Persone che già ricevono un servizio di teleassistenza. Maggiori di 70 anni. Persone che vivono sole o passano la maggior parte del giorno da sole. Con un livello di autonomia medio alto. Teleassistenza al cellulare Questo è un tipo di servizio che si presta con un terminale di telefonia mobile GSM, che offre agli utenti un’attenzione immediata e integrale fuori dal loro domicilio.   Il dispositivo dispone di un bottone d’emergenza così come un sensore di cadute. La persona quando esce dal suo domicilio lo porta sempre insieme come se fosse un cellulare Profilo di clienti interessati: • Persone con un livello medio di autonomia che spesso svolgono attività fuori...

Leggi
Vantaggi e perplessità sul possedere un sistema d’allarme

Vantaggi e perplessità sul possedere un sistema d’allarme

Oggi rispondiamo a una serie di dubbi sollevati da alcuni dei nostri lettori riguardo ai vantaggi e gli  inconvenienti di avere un sistema d’allarme collegato a una centrale.   Il primo dei vantaggi di un sistema d’allarme di questo tipo è che se scatta l’allarme, e tu non puoi correre a casa, ti inviano gli adeguati soccorsi, cosa che non puoi fare se non fosse collegato con la centrale. Un antifurto che è collegato alla centrale avvisa te o le persone che hai indicato in caso di emergenza. Se non è collegato alla centrale, l’unica cosa  che può fare un sistema d’allarme è mettere in fuga i ladri con una sirena interna o esterna, che non smetterà di suonare fino a quando non verrà disattivato l’antifurto, disturbando così tutto il vicinato.   I sistemi collegati a una centrale e quelli che non lo sono hanno prezzi e funzioni simili? I sistemi d’allarme possono avere tutti materiali e servizi simili tra di loro e i prezzi dipendono dall’azienda che installa il sistema. Ovviamente un servizio aggiuntivo come quello di monitoraggio di una centrale d’allarme potrà avere un prezzo più alto, perché include una quota fissa per il servizio. Un sistema d’allarme collegato a una centrale sarà sicuramente un investimento sulla tua tranquillità e serenità perché ti permette di affidare la tua sicurezza a aziende esperte del settore e che veglieranno sulla tua casa 24H per tutti i giorni della settimana.   Compensa pagare tutti i mesi un canone solo per avere questo servizio? Se hai parenti e amici che vivono vicini e possano correre a casa tua nel caso scattasse l’allarme, probabilmente non sarebbe così necessario un sistema d’allarme connesso alla centrale, ma cosa fai se ti trovi a 40 kilometri di distanza? Senza pensare al pericolo che potrebbero correre le persone che vanno a casa tua. Sarai veramente tranquillo senza sapere cosa sta succedendo?...

Leggi
Página 1 de 3123